Luca Fusi, Baobab d’argento del Teatro Africano

In Burkina Faso è nato un nuovo premio per i professionisti delle arti dello spettacolo. È la “serata dei baobab del teatro africano”. L’iniziativa è del Burkinabè Theatre Workshop (ATB) in collaborazione con la Rete Nazionale Operatori Teatrali per lo Sviluppo. Questa prima edizione, che si è svolta il 29 aprile 2022 a Ouagadougou, ha registrato 235 riconoscimenti. Una grande cerimonia di tributo e distinzione per gli artisti del teatro che è stata condotta da Prosper Kompoaré.

Quattro anni fa, quando l’ATB ha festeggiato il suo 40° anniversario, spiega Kompoaré, “siamo rimasti sorpresi di ricevere un regalo da una delle aziende locali, in questo caso il Carrefour international de théâtre de Ouagadougou (CITO): ci ha regalato un baobab. Disse che eravamo dei baobab da teatro. Ho pensato tra me e me che forse non merito tutto questo prestigio. Ma era un messaggio, è un modo per dirci che dobbiamo lavorare per essere un punto di riferimento per gli altri”.

È così che il professore trae ispirazione dal suo trofeo d’onore, un baobab di bronzo, per renderlo ora un forte simbolo di riferimento. “Se vogliamo che il nostro teatro viva, dobbiamo lavorare per far emergere altri baobab, altrimenti i vecchi baobab che siamo un giorno si estingueranno e la savana sarà vuota, da qui l’importanza per noi di onorare la memoria di chi ha ha percorso anni di esperienza”, ha affermato ancora il direttore dell’ATB.

Sono state distinte tre categorie di attori: i professionisti del teatro che hanno più di 20 anni, quelli che sono nel fiore degli anni tra i 10 ei 19 anni, e infine i germogli, cioè la speranza del teatro la cui esperienza è compresa tra i 3 ei 9 anni. La prima categoria vince l’oro, la seconda l’argento e la terza categoria, i più piccoli, il bronzo.

Sono stati assegnati un totale di 83 ori, 78 argenti e 74 bronzi, per un totale di 235 professionisti del teatro. Hanno poi ricevuto attestati e medaglie: gli artisti attori e performer, i direttori e amministratori di strutture teatrali (e tra loro il nostro Luca Fusi), i tecnici del teatro. La selezione dei 235 premiati ha seguito una meticolosa metodologia. Il promotore Prosper Kompaoré ha detto di riferirsi a strutture, associazioni e altri gruppi di operatori teatrali. È su questa base che sono state avanzate proposte in relazione ai candidati. Questi sono stati poi sottoposti al giudizio di un’accademia di premi teatrali africani.

Il cortile dell’ATB era gremito di gente e in un clima di festa. Tutti i luminari del teatro erano presenti. “Siamo molto contenti del modo in cui le persone hanno reagito. Non pensavamo che le persone sarebbero state così entusiaste “, ha gioito Kompaoré. Questa edizione è orgogliosamente chiusa. Tutti gli occhi sono già puntati sulla seconda edizione, il prossimo anno.

lascia un commento

Il tuo feedback è prezioso. Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

attendi...