Amore ed erotismi

Tacco punta, tacco punta. I passi che separano la verità dalla vanità. Tacco punta. 

Un tavolo rotondo ed una sedia. Lo stesso palco e due storie differenti legate dalla stessa malinconica solitudine d’amore. Lorena e Marco i due attori protagonisti. 

Joanna, una donna straordinaria di uno spessore unico e travolgente. È esattamente ciò che non ci si aspetta da un’attrice porno, tanto dolce quanto fragile e, soprattutto, innamorata. Ad un primo sguardo lo spettatore, con occhi severi ed assassini, giudicherebbe Joanna come una donna frivola, leggera, senza alcun senso del pudore. 

Dannato senso di educazione che priva l’uomo della libertà di essere, portando ad indissolubili sentenze emesse da commissioni non proclamate.

Per il mondo Joanna è una donna a mezz’aria ma, in realtà, vive saldamente a terra con la consapevolezza che il suo mestiere non è altro che una grande messinscena di pose ed eccessi provocanti e provocatori. Joanna, attrice porno. Sfarfalla come un’ape da polline in polline succhiando il nettare di dei voraci, per nutrire corpi malnutriti e riempire di amore gli orifizi del suo cuore dolorante. 

Tacco punta, tacco punta. La cameriera porta l’ordine ad un cliente al tavolo; uno tra i soliti. Un’atmosfera quotidiana: una birra, un uomo, i suoi ricordi e un colpo di tosse che fa domandare quale possa essere il confine tra reale e finzione, tra realtà e palcoscenico.
Un racconto di un uomo inghiottito dalla vita, ubriaco di passione e ferito dal sentimento. La corporea esigenza di rigettare in parole un amore consumato e, ormai, perduto; uno stralcio di vita immerso nelle note guizzanti dell’attimo che si sottrae al tempo. 

Un colpo di tosse, questa volta più forte. Una birra e un’altra ancora. Ritmi e immagini incalzanti di quelle notti trascorse nel desiderio, narrati da occhi luccicanti; verità assoluta di chi ha conosciuto a fondo la tragica bellezza dell’amore.

lascia un commento

Il tuo feedback è prezioso. Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

attendi...