La demoiselle élue - Il sogno di Rosetta - Genoveffa di Brabante

di C. Debussy - R. Zandonai - E. Satie

Tre opere da camera liberty nel centro storico di Barga

davanti al Duomo di Barga

LA DEMOISELLE ELUE
          musica di Claude Debussy
          testo di Dante Gabriele Rossetti
          cantanti: Eva Mei, Simonetta Lungonelli
          pianoforte: Marcello Guerrini
          attori: compagnia Teatro Arsenale

in piazza Garibaldi

IL SOGNO DI ROSETTA
          musica di Riccardo Zandonai
          testo di Giovanni Pascoli
          cantanti: Ivan Kiurkciev, Renata Daltin
          pianoforte: Giovanni Reggioli
          attori: compagnia Teatro Arsenale

in piazza del Comune

GENEVIEVE DE BRABANT
          musica di Eric Satie
          versi e prosa di Lord Cheminot
          cantanti: Eva Mei, Piero Masi
          pianoforte: Marcello Guerrini
          attori: compagnia Teatro Arsenale
          coro del Conservatorio di Firenze
 

          Lo spettacolo è articolato come un percorso attraverso alcuni luoghi di Barga e tre diversi mondi poetici che nel gusto del floreale trovano la loro ispirazione o il loro riferimento.
          Si parte dal luogo più rarefatto di Barga, il Duomo, straordinariamente vicino al gusto coloristico di Maurice Denis (amico di Debussy e primo illustratore della Demoiselle élue) e alle trasparenze della musica, dove il riferimento a Dante Gabriele Rossetti concerne più le parole del poema che la densa sensualità dell'omonimo dipinto, di cui resta un'eco lontana.
          Compiendo poi una discesa, che non è solo fisica, ma corrisponde anche al crescente addensarsi dei materiali di cui sono composti i tre pezzi, sostiamo in piazza Garibaldi, luogo del Sogno di Rosetta di Zandonai. Questi, giovanissimo, nella natia Sacco, lontano quindi dai maggiori centri artistici del tempo, trovava tuttavia alimento, da artista sensibile qual'era, nella biblioteca dell'amico Leonardi. In Pascoli, cui si devono i versi della cantata, lo attirava la capacità di cogliere e scoprire negli oggetti comuni della vita, nei luoghi senza apparente importanza, l'eco di ciò che conta.
          Tappa finale le logge del caffè per Geneviève de Brabant di Contamine de la Tour e Satie, rifacimento per caffè-concerto della popolarissima leggenda  di santa Genoveffa. Siamo qui giunti al punto più lontano, rispetto a quello da cui siamo partiti, soprattutto per quanto riguarda il rapporto testo-musica, oltre che teatrale: dal poema lirico al cabaret. Ma Debussy e Satie - i punti estremi di questo itinerario - erano amici e si stimavano a vicenda.

ms

     

ideazione e regia
Marina Spreafico

direttore musicale
Marcello Guerrini

scene e costumi
Gillian Armitage Hunt

disegno luci
Paolo Baroni

maestro del coro
Giovanni Reggioli

aiuto regia
Mauro Conti

realizzazione scenografica
Renzo Pardini

realizzazione costumi
Gabriella Zellini

attori compagnia Teatro Arsenale
Toni Bertorelli, Maria Eugenia D'Aquino, Marco Gorieri, Giorgio Menegardo, Gilles Privat, Annig Raimondi, Alain Salomon, Piergiorgio Vimercati