Il corpo ibrido - Le mammelle di Tiresia e intermezzo in versi

di Guillaume Apollinaire

Venite stasera a veder come la natura 
Mi darà senza donna una progenitura!

Questo è il grido di battaglia del protagonista maschile de Le Mammelle di Tiresia, il quale, come l’illustre antenato mitologico, si trasforma in donna al fine di ripopolare una fantastica Zanzibar. Ci riuscirà procreando 40.050 bambini in una notte. Da parte sua la moglie, di nome Teresa, diventata maschio, ribattezzatasi Tiresia, si dedica a svariate carriere virili. Risolverà il tutto una misteriosa cartomante. Scritto da Apollinaire tra il 1903 e il 1916, Le Mammelle di Tiresia anticipa di più di un secolo, ibridando sessi e teatro, una tendenza oggi sotto gli occhi di tutti. Classico o contemporaneo?

Traduzione  
Federica Locatelli

Adattamento e regia  
Marina Spreafico

Con  
Lorena Nocera e Giovanni Di Piano

e Arsenale-lab 2016
Francesco Friggi, Nana Funabiki, Giulio Garavelli, Samuele Gnarini,  Yeşeren Güven,
Paola Kodra, Alessandro Peli, Cristina Sali

Costumi  
Lella Diaz

Luci  
Christian Laface

Origami
Samuele Gnarini

Assistente ai costumi
Alessia Donnini

Assistente alle luci
Martino Minzoni

Organizzazione
Valentina Colorni, Martina Carini

In collaborazione con Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Brescia